Lavaggio impianti

Lavaggio e rigenerazione
impianti di riscaldamento

Il D.P.R. 2 aprile 2009 n.59 ha introdotto l'obbligo di effettuare il condizionamento chimico per gli impianti di riscaldamento nei quali la caldaia (di potenza inferiore a 35kW) produce anche acqua calda sanitaria.
Il lavaggio dell'impianto di riscaldamento permette di evitare problemi di rendimento nonché una vasta gamma di possibili malfunzionamenti.

I processi corrosivi

Nel 2016 Ventigradi sodalizza un rapporto tecnico commerciale con Cillit ora BWT una delle massime esponenti e realtà del mondo della filtrazione, depurazione e trattamento acque, iniziando per i propri tecnici una serie di sessioni di corsi di formazione.

Tutti gli impianti di riscaldamento, sia quelli di tipo tradizionale a radiatori, sia gli impianti a pannello radiante (es. impianti a pavimento), funzionano sul principio dell'acqua che, circolando nel sistema dopo essere stata riscaldata nella caldaia, assicura il trasporto del calore in tutta l'abitazione. L'acqua presente nell'impianto, di solito, si carica quando l'impianto viene posato, e poi non viene più tolta (a meno di interventi straordinari). 
Il fatto che l'acqua rimanga parecchi anni nei tubi e nei termosifoni, a volte innesca processi di deterioramento dell'impianto stesso che dovrebbero essere evitati e che portano alla formazione di detriti. Tali detriti possono essere di diversa natura, tra cui prodotti della corrosione, depositi di calcare, residui metallici e crescite microbiologiche.

La corrosione è un processo naturale che si verifica quando un metallo si trova a contatto con l'acqua. Tale fenomeno si sviluppa più rapidamente quando l'acqua è calda e ricca di sostanze chimiche che ne modificano l'acidità e la sua gravità dipende da vari fattori, tra i quali il tipo di materiali presenti nel sistema, la quantità d'aria che può essere immessa e la natura dell'acqua di reintegro.
Ma quali sono le sostanze che, se disciolte nell'acqua, favoriscono la corrosione? 

Un primo elemento è il cloro. Esso è normalmente presente nelle acque delle reti idriche ed a livelli normali non rappresenta un problema, ma ad alte concentrazioni diventa corrosivo, in particolare per l'acciaio inossidabile e il metallo sottoposto a stress.

Problemi e soluzioni

Altri elementi possono essere identificati nei flussanti utilizzati durante le operazioni di saldatura. 
Questi hanno lo scopo di rimuovere l'ossido sulla superficie delle tubazioni, permettendo così alla lega per saldatura di scorrere e "stagnare" le superfici che devono essere unite. 
Quasi tutti i flussanti di saldatura sono in qualche misura aggressivi e fortemente acidi, motivo per cui se ne raccomanda un utilizzo moderato. Se applicati in eccesso, continuano a reagire col metallo di base (generalmente il rame) finché non vengono ampiamente dispersi e neutralizzati. Una volta nell'acqua dell'impianto, il rame produce una placcatura sulle superfici di metalli meno nobili, come l'acciaio dolce, formando una cella di corrosione.  Nei radiatori questo fenomeno provoca il classico foro a punta di spillo.

Un ulteriore fattore da tenere in considerazione è il pH dell'acqua stessa. Un'acqua acida, ossia con basso pH, tende a dissolvere i metalli, in particolare l'acciaio dolce e l'alluminio, dando luogo a tassi di corrosione inaccettabili, ma anche acque con pH molto basso possono essere pericolose, soprattutto per l'alluminio.
I sedimenti infine tendono ad accumularsi nelle zone dell'impianto dove il flusso d'acqua è meno intenso, come nei radiatori o all'interno degli impianti a pavimento. Tutti questi accumuli comportano una minore efficienza dei terminali, portando ad un aumento dei consumi di combustibile anche del 15%.

Da qui si deduce l'importanza di mantenere pulito ed in buona salute l'impianto di riscaldamento. Per fare ciò sono necessarie una serie di attività preventive, che vadano ad impedire la formazione del problema. Sarà quindi sempre opportuno inserire protezioni sul circuito come filtri defangatori, dosatori di polifosfati e, se necessario, addolcitori, in modo da ridurre le cause scatenanti. È infine opportuno aggiungere all'acqua dell'impianto un inibitore della corrosione per passivare e proteggere dalle aggressioni le superfici metalliche.

Se però queste precauzioni non sono state adottate, è quasi inevitabile che si presentino dei problemi. I campanelli di allarme sono la rumorosità, l'aumento dei consumi e il cattivo funzionamento dei terminali. Questi ultimi sono un ottimo indicatore, in quanto, nonostante la cladaia funzioni a pieno regime, possono essere completamente freddi o avere una distribuzione del calore scarsamente uniforme, con alcuni punti più caldi ed altri meno. Questo perché i fanghi che si accumulano al loro interno impediscono la corretta circolazione del fluido termovettore.

In questi casi la miglior soluzione è un lavaggio completo dell'impianto, che può essere eseguito facendo circolare all'interno delle tubazioni specifici prodotti, per poi sostituire completamente l'acqua. I prodotti più comunemente utilizzati sono flocculanti anionici e diversi acidi. I primi mirano ad accrescere le dimensioni delle particelle nella speranza che la successiva procedura di lavaggio sia più efficace. Un forte limite di questo metodo è rappresentato dalla tendenza dei flocculanti alla degenerazione, con produzione di sostanze nutritive che, qualora non venissero totalmente rimosse dall'impianto, finirebbero col rimpiazzare un problema di fanghiglia con uno di natura biologica. 
La circolazione può avvenire in due modi: con una pompa esterna o utilizzando la stessa pompa della caldaia. Ovviamente la prima opzione è piu' professionale e garantisce risultati migliori, ma anche la seconda fornisce buoni risultati. Una volta che il reagente abbia completato il suo lavoro si dovrà scaricare l'acqua del circuito, mantenendo la pompa di circolazione costantemente in funzione e proseguendo con la procedura finché dal rubinetto non cominci a defluire acqua pulita.
Con il lavaggio si ripristinano le condizioni originarie dell'impianto, evitando lo smontaggio dei termosifoni e altre operazioni manuali. È tuttavia essenziale continuare a difendersi dalla corrosione attraverso un trattamento chimico che assicuri una protezione a lungo termine (fino a 10 anni) dell'impianto e della caldaia.

La partnership con BWT

Nel 2016 Ventigradi sodalizza un rapporto tecnico commerciale con Cillit, ora BWT, una delle massime esponenti e realtà del mondo della filtrazione, depurazione e trattamento acque, iniziando per i propri tecnici una serie di sessioni di corsi di formazione. 

Tutti gli impianti di riscaldamento, sia quelli di tipo tradizionale a radiatori, sia gli impianti a pannello radiante (es. impianti a pavimento), funzionano sul principio dell'acqua che, circolando nel sistema dopo essere stata riscaldata nella caldaia, assicura il trasporto del calore in tutta l'abitazione. 
L'acqua presente nell'impianto, di solito, si carica quando l'impianto viene posato, e poi non viene più tolta (a meno di interventi straordinari). Il fatto che l'acqua rimanga parecchi anni nei tubi e nei termosifoni, a volte innesca processi di deterioramento dell'impianto stesso che dovrebbero essere evitati e che portano alla formazione di detriti. 

Tali detriti possono essere di diversa natura, tra cui prodotti della corrosione, depositi di calcare, residui metallici e crescite microbiologiche.

Rimedi contro i malfunzionamenti degli apparecchi: scrivete a

Share by: